vulcano Etna

Il vulcano Etna in Sicilia

Con i suoi 3.320 m di altezza, l’Etna è una delle maggiori attrazioni della Sicilia ed è il vulcano attivo più alto d’Europa. Di conseguenza, per chi visita la Sicilia in vacanza, l’Etna è una tappa obbligatoria, soprattutto per coloro i quali visitano Catania o un’altra città della Sicilia orientale. Con i suoi 1.250 Km di estensione, il vulcano domina il Parco dell’Etna, un’area di quasi 60.000 ettari e un autentico gioiello naturalistico della Sicilia.

Grazie alle sue attrattive geologiche, ai suoi incredibili paesaggi, alla sua ricca e unica flora e meravigliosa fauna, dal 2013 il vulcano Etna fa parte della Lista del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO. Questo riconoscimento arriva anche grazie alle periodiche e spettacolari eruzioni a cui siamo abituati. Vi piacerebbe scoprire i vari modi per visitare il vulcano Etna e come salire in cima ai Crateri Sommitali? Ne parliamo qui di seguito…

Informazioni sul Vulcano Etna e come fare per salire in cima e visitarlo

In Sicilia, l’Etna è anche conosciuto con il nome di Mongibello ma la popolazione che vive nel territorio Etneo si riferisce al vulcano chiamandolo semplicemente A’ Muntagna (in italiano, La Montagna) e si riferiscono al vulcano sempre al femminile. Insomma, per loro l’Etna è femmina! La sua fisionomia e l’altezza massima sono variate in modo significativo nel corso dei suoi 600.000 anni di storia. Infatti, l’attività eruttiva del vulcano è constate, concentrata principalmente nei quattro crateri sommitali, e continua a verificarsi ancora oggi. Insomma, il vulcano Etna è molto vivo e attivo 😉 .

1. Come salire in cima e visitare il vulcano Etna?

Ci sono diversi modi per salire in cima ed esplorare l’Etna. Autonomamente, sia da soli che in gruppo, partecipando ad un’escursioni organizzate o affidandosi direttamente ad una guida per organizzare un tour su misura per voi. Ovviamente le limitazioni e le precauzioni da prendere quando si sale in cima all’Etna da soli sono maggiori rispetto a quando si sceglie di fare un’escursione con guide vulcanologiche ufficiali.

1.a. Salire in cima all’Etna da soli autonomamente

Quasi tutti i luoghi e le zone dell’Etna di cui parliamo in questa sezione sono accessibili senza la necessità di accompagnamento da parte di una guida ufficiale. Basta avere un mezzo di trasporto privato per raggiungere i vari punti e, in alcuni casi, bisogna solamente prendere la Funivia dell’Etna. Tuttavia, durante una visita non sempre conta ciò che si vede, ma come si vive l’esperienza e cosa si apprende durante la stessa. Per questo motivo, in molte occasioni è consigliabile fare un’escursione guidata. Detto ciò, se avete intenzione di visitare l’Etna autonomamente questi sono i nostri consigli:

  • Informatevi bene sul percorso
  • Pianificate il percorso nei minimi dettagli
  • Controllate le previsioni del tempo
  • Attrezzatevi adeguatamente, a seconda della stagione dell’anno
  • Catene da neve obbligatorie dal 15 novembre al 15 marzo
  • Portate con voi cibo e acqua in abbondanza
  • Non avrete sempre copertura, ma portate con voi telefoni cellulari con batteria carica o, meglio ancora, walkie-talkie
  • Dite a qualcuno dove state andando e del vostro itinerario
  • Evitate di fare un percorso o un’escursione di grande difficoltà se non avete sufficiente esperienza
  • Evitate di indossare lenti a contatto, potreste avere problemi a causa della cenere vulcanica

1.b. Fare un’escursione organizzata o contattare una guida vulcanologica

1.b.1. Le migliori escursioni ed attività turistiche

Siete interessati a partecipare ad un’escursione organizzata che vi permetta di salire in cima all’Etna nel miglior modo possibile? Se è così, qui di seguito vi illustriamo diversi programmi di tour ed escursioni per esplorare il vulcano. Alcuni di questi partono dalla città di Catania o da altre città della Sicilia, come Taormina. Al contrario, altre escursioni partono da un punto del vulcano, come i Crateri Silvestri. In quest’ultimo caso, dovrete spostarvi con un veicolo privato e raggiungere il punto di partenza dell’escursione.

La maggior parte di questi tour organizzati per salire in cima all’Etna (se non tutti) sono multilingue e includono anche la visita in italiano. In ogni caso, vi invitiamo a leggere attentamente le informazioni dettagliate di ciascuna delle escursioni affinché possiate confermare che il tour si fa in italiano.

1.b.2. Prenota attraverso LovingSicilia la tua escursione personalizzata su mi misura

Non riuscite a trovare un’escursione adatta alle vostre esigenze oppure, preferite visitare l’Etna accompagnati da una guida vulcanologica tutta per voi? Nessun problema, noi di LovingSicilia possiamo aiutarvi ed offrirvi un’esperienza unica, poiché collaboriamo con alcune delle migliori guide specializzate nel settore. Inviateci una mail a ciao @ lovingsicilia . it (tutto unito) oppure compilate il seguente modulo di contatto e cliccate invio.

    Utilizzando questo modulo accetti le condizioni della nostra politica sulla privacy. Non preoccuparti, i tuoi dati sono al sicuro e non ti disturberemo con innumerevoli email inutili ;).

    2. Le migliori zone e luoghi per visitare il vulcano Etna

    Di seguito, vi proponiamo alcuni dei migliori luoghi e zone da visitare sull’Etna. Ovviamente, data la grande estensione e diversità del vulcano, esistono innumerevoli aree d’interesse ma, secondo il nostro giudizio, abbiamo selezionato alcuni tra i luoghi che spiccano maggiormente. Per vivere a pieno l’esperienza di salire in cima al vulcano Etna, vi consigliamo di scegliere l’area corrispondente al versante in cui vi trovate o la zona più vicina al comune in provincia di Catania dove alloggiate, tenendo conto inoltre dei vostri interessi personali e del tipo di esperienza che volete vivere.

    2.a. I Crateri Silvestri

    Luogo ideale per visitare l’Etna per la prima volta
    Zona: versante sud
    Quota: 1.986m
    Anno formazione: 1892
    Si raggiunge da: Nicolosi, Zafferana Etnea e limitrofi (S.P. 92)
    Ingresso: autonomamente (con veicolo privato) oppure con tour organizzato

    Il modo più semplice, economico e rilassante per visitare autonomamente l’Etna è raggiungere l’area del Rifugio Giovanni Sapienza, a quota 1.923 metri. In questa stazione turistica, denominata Rifugio Sapienza – Etna Sud, si trovano gli spettacolari e frequentatissimi Crateri Silvestri, vi è inoltre oltre la stazione di partenza della Funivia dell’Etna, una cabinovia che permette di raggiungere in pochi minuti quota 2.500 metri. Per quanto riguarda i Crateri Silvestri, sono due crateri: superiore e inferiore, formatisi durante l’eruzione dell’Etna del 1892. Visitare i Crateri Silvestri è molto facile poiché si può raggiungere la zona con un proprio veicolo privato attraverso la SP 92. La visita ai Crateri Silvestri non è costosa, specialmente se raggiungete autonomamente la zona infatti, una volta raggiunto il luogo di accesso ai crateri, la visita è completamente gratuita. Non si tratta di una visita impegnativa, si può effettuare benissimo da soli ed in totale relax perché il percorso non è difficoltoso specialmente per quanto riguarda il Cratere Silvestri inferiore: si può raggiungere anche l’interno del cono senza grossi problemi.

    2.b. La Montagnola

    Uno dei crateri più grandi dell’Etna
    Zona: a sud del cratere centrale
    Quota: 2.500 m
    Anno formazione: 1763
    Si raggiunge da: Nicolosi, Zafferana Etnea e limitrofi (S.P. 92)
    Ingresso: autonomamente (con veicolo privato) oppure con tour organizzato

    Il Monte La Montagnola è uno spettacolare cratere dell’Etna situato a quota 2.500 metri. Si raggiunge facilmente con la Funivia dell’Etna o con i mezzi 4×4 di servizio alla Stazione turistica Rifugio Sapienza – Etna Sud. A pochi passi da La Montagnola, proprio accanto alla stazione di partenza della Funivia, troverete un bar dove fermarmi per uno spuntino. Secondo il nostro parare, una volta giunti a quota 2500 m, vale la pena proseguire più in alto, in questo caso si hanno due opzioni: la prima è raggiungere la Torre del Filosofo (quota 2.900 m) a piedi o con i veicoli 4×4 che prestano il servizio nell’area, la seconda è proseguire ancora più in alto, verso i Crateri Sommitali dell’Etna, in questo caso vi raccomandiamo di intraprendere il percorso accompagnati da una guida alpina o vulcanologica. Per visitare i Crateri Sommitali bisogna comunque tenere in considerazione l’attività del vulcano, se questa consente o meno la visita, anche per questo motivo è necessario affidarsi a guide ufficiali.

    Funivia dell’Etna: La funivia per salire sul vulcano

    La Funivia dell’Etna è una cabinovia situata sul versante meridionale del vulcano, precisamente nella zona del Rifugio Sapienza, vicino ai Crateri Silvestri (quota 1.986 metri). Permette di raggiungere il Monte La Montagnola (2.500 m) e, se lo si desidera, proseguire a piedi o a bordo di 4×4 fino a raggiungere la Torre del Filosofo (2.900 m). Giunti a questo punto, per concludere l’escursione vi consigliamo di visitare, in compagnia di una guida vulcanologica, i Crateri Sommitali dell’Etna (quota 3.330 m). Bisogna tenere a mente che per raggiungere la Funivia dell’Etna è indispensabile avere un mezzo di trasporto privato o, in mancanza, partecipare ad un’escursione organizzata con partenza da Catania o da altri comuni della Sicilia.

    2.c. Piano Provenzana

    La più grande stazione sciistica del vulcano Etna
    Zona: versante nord
    Quota: 1.810 m
    Si raggiunge da: Linguaglossa, Randazzo, Piedimonte Etneo, Zafferana Etnea e limitrofi
    Ingresso: autonomamente (con veicolo privato) oppure con tour organizzato

    Piano Provenzana con i suoi 10,3 km di lunghezza è la stazione sciistica più grande tra le tre presenti in Sicilia. Nel 2002, una grande eruzione ha spazzato via gran parte delle strutture della stazione, tra cui anche le casette di legno che ospitano i bar e negozietti di souvenir. Visitare Piano Provenzana è una scelta eccellente se desiderate sciare o fare un’escursione alla scoperta dei crateri che hanno generato l’eruzione che ha distrutto la stazione sciistica nel 2002, potrete notare anche l’immensa colata lavica, ormai solidificatasi e divenuta pietra, della grande eruzione in questione.

    2.d. La Torre del Filosofo

    Il punto più alto dell’Etna accessibile senza restrinzioni base dei Crateri Sommitali
    Zona: sotto i crateri Sommitali
    Quota: 2.900 m
    Si raggiunge da: dal Rifugio Sapienza, con la funivia o con veicolo 4×4 delle angenzie specializzate in tour con veicolo privato fino ai Crateri Silvestri + funivia o tour organizzato
    Ingresso: en vehículo privado hasta los Cráteres Silvestri + teleférico y con tours organizados

    La Torre del Filosofo prende il nome dal filosofo Empedocle, (492 a.C. – 430 a.C. circa) che studiò l’attività eruttiva dell’Etna e si stabilì per un certo periodo in questa zona. Purtroppo, oggi la zona dove il filosofo abitò è ormai sepolta. La Torre del Filosofo si trova pochi metri più in basso rispetto ai Crateri Sommitali ed è il punto più alto visitabile senza alcuna restrizione. Per raggiungere la Torre del Filosofo bisogna prendere la Funivia dell’Etna e poi superare a piedi un dislivello di 400 metri, oppure proseguire con un veicolo 4×4 adattato e autorizzato a compiere il percorso. Una volta giunti in questa zona, vi consigliamo di proseguire, sempre se l’attività dell’Etna lo consente, e raggiungere i Crateri Sommitali accompagnati da una guida alpina.

    Stazioni sciistiche dell’Etna

    Ebbene sì, in Sicilia è possibile sciare e, come se non bastasse, si può sciare su di un vulcano attivo mentre ci si gode il panorama del mare. Sull’Etna sono presenti due delle tre stazioni sciistiche siciliane. Gli impianti sciistici dell’Etna sono aperti durante la stazione invernale, purché l’attività eruttiva del vulcano lo consenta:
    Etna Nord – Piano Provenzana (Linguaglossa): 10,3Km di piste
    Etna Sud – Nicolosi: 6,3Km

    2.e. I Crateri Sommitali dell’Etna

    Il punto più spettacolare del vulcano
    Zona: Crateri Centrali
    Quota: 3.250 m
    Si raggiunge da: i Crateri Silvestri
    Ingresso: accompagnati da una guida vulcanologica, solo se l’attività del vulcano lo consente

    I quattro crateri sulla vetta dell’Etna, detti Crateri Sommitali, sono i protagonisti delle spettacolari eruzioni dell’Etna. Per questo motivo è consentito visitarli sono se accompagnati da una guida vulcanologica o da una guida alpina. Quando i Crateri Sommitali mostrano un’attività più intensa del solito, le autorità vietano l’accesso alla cima dell’Etna ed alle quote inferiori. Visitare i Crateri Sommitali è una delle più belle esperienze che vi aspettano in Sicilia.

    2.f. Prato Fiorito

    Ideale per praticare trekking e percorrere vari sentieri
    Zona: versante sud-est
    Quota: 1.077m
    Si raggiunge da: Adrano e Bronte
    Ingresso: autonomamente (con veicolo privato) oppure con tour organizzato

    Data la sua collocazione nel territorio di Adrano, sicuramente Prato Fiorito è una delle zone preferite dagli abitanti di Adrano e di Bronte quando ci si vuole immergere nella natura. Si tratta di una zona abbastanza boscosa (bosco di Centorbi) e presenta diversi crateri avventizi, tra gli altri, Monte Minardo e Monte Peloso, oltre a luoghi di interesse come la Grotta della neve. Sono numerosi i sentieri e le escursioni che si possono realizzare partendo da questa zona, Prato Fiorito è infatti una delle zone preferite dagli appassionati di trekking.

    A volte è conveniente visitare più di una zona dell’Etna durante lo stesso giorno. Ciò può avvenire quando più luoghi di vostro interesse si trovano sullo stesso versante della montagna o quando vi si accede dallo stesso punto, variando solo la quota in cui si trovano i luoghi che intendete raggiungere. È il caso, ad esempio, dei Crateri Silvestri e della zona del Rifugio Sapienza, sono entrambi luoghi di interesse ma anche punti di partenza verso luoghi che si trovano a quote più elevante, nonché punti di partenza di numerosi sentieri.

    2.g. Mappa e come raggiungere il vulcano Etna?

    L’enorme estensione dell’Etna così come la grande quantità di luoghi d’interesse da visitare e sentieri da percorrere fanno in modo che, a seconda del punto del vulcano che desiderate visitare, il percorso da intraprendere può variare. Grazie alla mappa del vulcano Etna che abbiamo creato, dove sono indicati la maggior parte dei siti etnei d’interesse di maggior spicco del vulcano, potrete vedere quali strade o sentieri intraprendere per raggiungere i luoghi da voi scelti. Inoltre, negli articoli dedicati ai luoghi specifici dell’Etna, troverete le indicazioni dettagliate circa le varie opzioni a disposizione per visitare i punti dell’Etna descritti.

    3. Sentieri e strade per esplorare l’Etna

    Percorrere i sentieri e le strade dell’Etna è uno dei modi migliori per esplorare il vulcano. Utile anche a scoprire la sua diversità geologica, faunistica e floristica. E, se siete appassionati di escursionismo in generale e di trekking in particolare, siete davvero fortunati. Poiché, grazie alla grande estensione dell’Etna, sono tantissimi i sentieri e cammini da poter intraprendere.

    Per maggiori informazioni circa i diversi sentieri sull’Etna, potete dare un’occhiata alla sezione specifica che abbiamo preparato.

    Per approfondire i diversi sentieri dell’Etna e le loro caratteristiche, vi suggeriamo il seguente libro illustrato.

    La durata, la difficoltà e la pericolosità di ogni sentiero etneo possono differire in modo significativo, quindi prima di affrontare uno di questi sentieri è importante informarsi sulle sue caratteristiche specifiche e sull’attrezzatura da portare con sé. Esistono sentieri adatti per i principianti: pochi chilometri da percorrere in un paio d’ore, oppure altri sentieri più impegnativi: 5, 6 ore e forse anche più, in questo caso è consigliabile avere una certa esperienza in escursionismo.

    Etna Trail: corsa in montagna sull’Etna

    Ogni anno, intorno a luglio, si tiene l’Etna Trail, una corsa in montagna che si svolge sul vulcano Etna. La gara, con tre diverse modalità (64Km, 24Km e 12Km), parte da Piano Provenzana (Linguaglossa), sul versante nord dell’Etna. Se siete degli appassionati di questo tipo di competizione sportiva, potrebbe interessarvi organizzare una vacanza in Sicilia in coincidenza con le date della competizione. Ogni scusa è buona per visitare la Sicilia.

    Qui di seguito ecco un elenco di alcune delle strade e dei sentieri più interessanti dell’Etna, che troverete sulla mappa al punto 2.g.

    • Sentiero della Schiena dell’Asino
    • Monte Sartorius
    • Sentiero di Serracozzo
    • Sentiero del Rifugio Timparossa e Monte Nero
    • Piano dei Grilli
    • Sentiero natura ‘Acqua Rocca degli Zappini

    4. Dormire sul vulcano Etna e nelle vicinanze

    4.a. Alloggi vicini all’Etna

    Booking.com

    Se desiderate pernottare in un «centro nevralgico» vicino al vulcano Etna, un posto che vi permetta di fare piccole escursioni e visite durante il vostro soggiorno, la cosa migliore è dormire in uno degli hotel, case o appartamenti turistici in affitto situati nei del Parco dell’Etna. Attraverso il modulo di ricerca, potete consultare e prenotare online le migliori strutture alberghiere nei dintorni dell’Etna.

    Alloggi a Nicolosi (la porta dell’Etna)

    Nicolosi è uno dei comuni etnei che accoglie la maggiorparte dei turisti che intendono visitare l’Etna. Lo slogan di Nicolosi è «La Porta dell’Etna» perché il suo territorio comprende la stazione turistica Rifugio Sapienza Etna-Sud dalla quale si può prendere la Funivia dell’Etna per salire verso quote più elevante, quasi fino alla cima del vulcano. Sempre dal territorio di Nicolosi si possono intraprendere vari sentieri, fare escursioni immersi nel Parco dell’Etna, fino a raggiungere piccole frazioni o altri comuni del Parco dell’Etna come Adrano, Bronte, Linguaglossa (ideale se si vuole sciare), Ragalna, Randazzo

    4.b. Dormire nei rifugi di montagna

    Nel caso in cui desideriate fare un’escursione che duri più di un giorno, dovrete dormire in uno dei rifugi dell’Etna. Sul territorio dell’Etna sono presenti numerosi rifugi ma non tutti non sono attivi, prima di iniziare l’escursione vi invitiamo dunque a raccogliere maggiori informazioni a riguardo. Di seguito troverete un elenco di alcuni dei rifugi vulcanici che di solito sono aperti al pubblico. Sulla mappa del punto 2.g, troverete la posizione esatta dei rifugi che vi segnaliamo. Per maggiori informazioni vi consigliamo inoltre di dare un’occhiata alla sezione «Sentieri dell’Etna» ed agli articoli specifici sui sentieri che abbiamo già percorso.

    • Rifugio Citeli
    • Rifugio Giovanni Rifugio Sapienza
    • Rifugio Monte Scavo
    • Rifugio Galvarina
    • Rifugio Ariel
    • Rifugio Ragabo

    5. Domande e risposte circa l’Etna

    6. Le eruzioni più importanti dell’Etna degli ultimi anni

    AnnoLuogoConseguenza
    1669Monti RossiDistruzione parziale della città di Catania
    1843Versante occidentale (quota 1.900 m)Minacciò di distruggere la città di Bronte. Si verificò un’esplosione in cui persero la vita alcune persone
    1865Monte Frumento delle ConcazzeFormazione dei Monti Sartorius
    1892Crateri SilvestriFormazione dei Crateri Silvestri
    1928Sotto il Cratere CentraleDistruzione del comune di Mascali
    1971Sotto il Cratere Centrale (quota 3.050 m)Distruzione dell’Osservatorio Vulcanologico e della Funivia dell’Etna
    1981Versante occidentale (quota 2.625m)Distruzione di vari tratti della linea ferroviaria che compie il periplo del vulcano (Ferrovia Circumetnea) e rischi per il comune di Randazzo
    1983Nei pressi della Valle del Bove (quota 2.500 m)Distruzione delle attività turistico-commerciali situate lungo la SP92, nel tratto tra Nicolosi ed il Rifugio Sapienza, e distruzione della Funivia dell’Etna
    1991 – 1993Base del Cratere di Sud Est (3.100 m – 2.200 m)L’eruzione più lunga del XX secolo (durata 473 giorni), con una colata lavica che si riversò nella Valle del Bove e che mise in allerta il comune di Zafferana Etnea
    2001Cratere di Sud EstDistruzione della Funivia dell’Etna y della zona del Refugio Sapienza. Formazione del Cratere Piano del Lago
    2002Versante sud (2.800 m) e nord (1.900 m)Distruzione della stazione turistica di Piano Provenzana (versante nord dell’Etna), appartenente al comune di Linguaglossa

    7. Video dell’Etna

    Prossimamente

    8. Scheda dati del vulcano Etna

    InformazioniDati
    ProvinciaCatania
    Coordenate37.734°N, 15.004°E
    Altezza massima3.320 m (2019)
    Superficie1.200 Km2
    Perimetro150 Km
    Vita del volcano600.000 anni
    Attività
    Si può visitare
    Tipi di visitalibera / escursione organizata
    Prezzogratis / a pagamento
    Valutazione visita (1-10)10
    Dati estrapolati da INGV
    close

    Benvenuto in Sicilia, benvenuto su LovingSicilia.it 👋

    Iscriviti per ricevere contenuti sulla Sicilia

    Non inviamo spam! Per maggiori informazioni leggi le nostre politiche sulla privacy

    error: @ Copyright. Tutti i diritti riservati. Si prega di rispettare i diritti intellettuali in qualità di autore e proprietario dei testi, delle immagini e dei video.